fondo energia 2024

Riapertura del Fondo Energia per il 2024

Il 19 Febbraio 2024 apre lo sportello per presentare domanda al FONDO ENERGIA PR FESR 2021-2027 della Regione Emilia Romagna.

Se tra i primi 5 costi della tua azienda c’è l’energia, allora devi continuare a leggere.

L’energia negli ultimi anni rappresenta una voce di bilancio sempre più importante, ed un costo operativo che erode la marginalità e l’utile aziendale.

fondo energia 2024

Perché l'energia rappresenta un fattore così rilevante? Si può fare qualcosa?

Sappiamo entrambi che l'energia è una risorsa indispensabile per il funzionamento di qualsiasi impresa. L'illuminazione, l'aria condizionata, i macchinari, i computer e molti altri dispositivi elettronici richiedono energia elettrica per funzionare correttamente.
A seconda del settore di appartenenza e delle dimensioni dell'azienda, i consumi energetici possono variare notevolmente, ma è probabile che l'energia rappresenti una voce di spesa significativa nel vostro bilancio annuale.

La buona notizia

Grazie a questo fondo è possibile ridurre drasticamente questa voce di spesa grazie ad interventi volti al risparmio energetico.

Per coibentare efficacemente un edificio, proteggendolo dagli agenti esterni, è fondamentale partire dall’alto, quindi dal tetto/copertura.
L’isolamento termico del tetto comporta una serie di benefici importanti per la qualità della vita all'interno degli immobili.
Innanzitutto l'edificio disperderà meno calore verso l’esterno in inverno e non si surriscalderà in estate, quindi significa non dover tenere accesi a lungo gli impianti di riscaldamento o raffrescamento industriali.
Si tratta, quindi, di un intervento che consente di recuperare in breve tempo le spese sostenute per realizzare l’isolamento del tetto.
Un vero e proprio investimento che si ripaga in pochi anni.
Inoltre grazie ai consumi energetici più bassi, il risparmio inizia fin da subito.

Ma c’è di più. Intanto cominciamo a capire cos’è questo Fondo Energia Emilia Romagna.

Che cos’è il Fondo Energia

E’ un fondo Multiscopo istituito con delibera regionale n. 194 del 13/02/23 con i seguenti obiettivi:
Efficientamento e riqualificazione energetica delle imprese, con la coibentazione del tetto;
Realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili per l’autoconsumo delle imprese, con l’installazione dell'impianto fotovoltaico.

A questo scopo il fondo concede finanziamenti a tasso zero sul 75% della spesa, mentre per il restante 25% i tassi vengono calcolati su euroribor a 6 mesi e l’ importo è compreso tra 25.000 € e 1.000.000 €.

Chi sono i beneficiari di questo intervento:

Imprese (micro, piccole, medie e grandi imprese) che abbiano i seguenti requisiti:

1) siano iscritte al Registro delle Imprese ed attive;
2) abbiano unità locale in cui si realizza il progetto d’investimento in Emilia-Romagna, risultante da visura camerale;
3) siano operanti, come attività principale, nelle seguenti sezioni della classificazione delle attività economiche ATECO 2007:

SEZIONE B “Estrazione di minerali da cave e torbiere”;
SEZIONE C “Attività manifatturiere”;
SEZIONE D “Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata;
SEZIONE E “Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento”;
SEZIONE F “Costruzioni”;
SEZIONE G “commercio all’ingrosso e al dettaglio e riparazione di autoveicoli e motocicli;
SEZIONE H “Trasporto e magazzinaggio”;
SEZIONE I “Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione”;
SEZIONE J “Servizi di informazione e comunicazione”;
SEZIONE L “Attività immobiliari”;
SEZIONE M “Attività professionali, scientifiche e tecniche”;
SEZIONE N “Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese”;
SEZIONE P “Istruzione”;
SEZIONE Q “Sanità e assistenza sociale”;
SEZIONE R “Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento”;
SEZIONE S “Altre attività di servizi”.

Tra le spese incentivate rientrano:

efficientamento energetico delle imprese, come l’isolamento del tetto;
realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili per l’autoconsumo grazie all’installazione dei pannelli fotovoltaici sul tetto.

Quindi doppio risparmio:
il primo grazie alla coibentazione della copertura
il secondo con la produzione di energia dai pannelli fotovoltaici

Ma aspetta che non è finita qua.

Contributo a Fondo Perduto

Il Fondo Energia eroga un contributo a fondo perduto pari al 12,5% a valere sulle spese tecniche sostenute dall’impresa per la preparazione e il supporto tecnico del progetto di investimento.
A titolo di esempio le spese tecniche che rientrano per il calcolo sono:

  • diagnosi Energetica (o “Audit Energetico”);
  • attività di progettazione dell’intervento: studio di fattibilità, progetto preliminare, progetto definitivo e progetto esecutivo;
  • business Plan/Piano Economico Finanziario;
  • verifica di idoneità delle coperture.

L’importo massimo del contributo non può essere superiore al 12,5% della quota pubblica del finanziamento richiesto.

Aspetta, c’è un’altra notizia importante per te che riguarda l’amianto

Se hai ancora l’amianto sul tetto è possibile accedere all’incentivo Ecobonus 65% che ti permette di ottenere importanti detrazioni fiscali per la rimozione e smaltimento dell’amianto.

Sfrutta la possibilità offerta dal Bando Fondo Energia della Regione Emilia Romagna.

Grazie alla coibentazione della copertura e all'installazione di un impianto fotovoltaico hai l'opportunità di abbattere i costi energetici e ottimizzare l'efficienza energetica.

Il nostro ufficio tecnico ti supporta nella presentazione della domanda ed inoltre grazie ad accordi stipulati dalla nostra azienda con primari istituiti di credito, avrai anche una linea di credito dedicata a condizioni favorevoli e vantaggiose.

INTECO S.r.l.
Via B. Malamini 7/1 44042 Cento (FE)
Tel. 051/904335
Whatsapp 051904335
www.intecoamianto.com
info@intecoamianto.com

 

Torna in alto